IMOLA la Rocca e DOZZA borgo dipinto

IMOLA la Rocca e DOZZA borgo dipinto

Imola e la rocca sforzesca, simbolo della città…(meno conosciuta del famoso autodromo) e  Dozza, borgo fortificato.. e dipinto

IMOLA

Importanti e ricchi di storia ci accompagnano nel percorso meravigliosi palazzi.

Che cosa vedere:

La Rocca sforzesca di Imola, eretta nel 1259 poi ampliata e distrutta, ha imponenti torrioni circolari su pianta quadrangolare ed è fra i migliori esempi di architettura fortificata tra Medioevo e Rinascimento.

Orari e giorni di visita:
Sabato 15,00-19,00
Domenica 10,00-13,00 / 15,00-19,00
gli altri giorni a richiesta su prenotazione 
 
Siamo capitati ad Imola durante la visita di turisti stranieri ed abbiamo trovato personale gentilissimo, che ci ha permesso di entrare e visitare la rocca,  questa meraviglia.
 
La Rocca ospita all’interno pregevoli collezioni: 600 pezzi tra armi bianche, difensive e da fuoco. Nei sotterranei di artiglierie ed una di ceramiche che, racchiuse in teche di vetro, non ci è stato possibile fotografare.
le splendide armature


artiglierie

La scala porta ai piani superiori, alle postazioni dei cannoni, ai camminamenti di ronda, alle torri da cui si può ammirare tutta la città e le colline circostanti

scala
camminamenti di ronda
vista dai camminamenti di ronda

Attraversiamo Piazza Matteotti, che non riusciamo a fotografare come vorremmo, perchè il giovedì è sede di mercato e lasciamo Imola

Dozza

È un borgo fortificato, che ha mantenuto intatta la sua struttura medievale, con la cerchia delle mura e le torri circolari ed è sede del Concorso del muro dipinto

la torre circolare a Dozza, borgo dipinto

Che cosa vedere:

Posta nell’estremità occidentale dell’antico borgo, la Rocca  Sforzesca è l’elemento portante della zona antica ed ospita il palazzo Malvessi-Campeggi, che conserva una ricca collezione di armi, arazzi, mobili antichi e opere d’arte. Nel secondo piano la Pinacoteca del Muro dipinto, mentre nel sotterraneo ha sede l’Enoteca Regionale.
Contrastano con l’atmosfera del passato i murales realizzati nell’ambito del concorso del muro dipinto, che si svolge nel mese di settembre degli anni dispari. Questi opere d’arte rendono il borgo magico, pieno di colori e sorprese ad ogni angolo. Adesso capisco il singolare gemellaggio di Dozza con Montmatre… 

dalla rocca sforzesca
Ecco una piccola carrellata dei muri dipinti del borgo:
Dylan Dog

Mr Magoo
il portico

 

Meraviglioso questo borgo medievale, che merita un visita.

Per i golosi:
Gelateria le tartarughe, appena usciti da Dozza sulla destra, nel verde di un piccolo parco, per un meraviglioso ed ottimo gelato ristoratore…

Se vuoi vedere altre immagini vai in gallery
emilia Guerini

About emilia Guerini

Dopo una vita di lavoro e di volontariato, finalmente posso dedicarmi ad uno dei miei hobby preferiti: macchina fotografica, curiosità per scoprire, riscoprirsi ed allargare la mente: viaggiare! Ragazzini di 68 e 74 anni io e Lindo, mio marito, abbiamo sempre tenuto diari dei nostri viaggi e da ora li vorremmo condividere con chi, come noi, ha curiosità ed è affamato di cose belle, che a volte si nascondono dietro l'angolo di casa. E' splendido assaporare la bellezza e cercare di trasmetterla...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*