Mantova, un gioiello sospeso sull’acqua

Mantova Rotonda di San Lorenzo

Perché visitare Mantova?

La città si presenta come un sogno, è romantica e sembra galleggiare, riflettendosi nelle acque dei laghi che la circondano. Andiamo alla scoperta di Mantova, la Città dei Gonzaga, una delle corti rinascimentali più importanti d’Europa, Patrimonio Unesco e, nel 2016, Capitale Italiana della Cultura.

Come arrivare

Arrivando a Mantova dall’autostrada o dalla strada normale,  si può lasciare la macchina al Parcheggio Sparafucile Campo Canoa in Via Legnago, da dove parte ogni 15 minuti una navetta gratuita per il centro della città (con la capienza di 7 posti)

Mantova parcheggio sparafuocile
parcheggio Sparafucile

Si attraversa il Ponte di San Giorgio e si gode la splendida vista della città, che sembra galleggiare sull’acqua.  Si arriva nella centralissima Piazza Sordello, in pieno centro storico, da dove si possono raggiungere i gioielli che questa città racchiude. Lo scenario che si presenta è incredibile: si è catapultati nel Medioevo.
Su questa splendida piazza si affacciano il Duomo, il Palazzo Vescovile, il Palazzo degli Uberti, il Palazzo Castiglioni, Palazzo Acerbi e Palazzo Ducale

Mantova Piazza Sordello
Piazza Sordello
Mantova Palazzo Vescovile
Palazzo Vescovile
Mantova Palazzo Acerbi
Palazzo Acerbi, palazzo d’angolo

Palazzo Ducale o Reggia Gonzaghesca

costituito da una serie di edifici, aggregati in epoche diverse, dal ‘200 al ‘600, che costituiscono una città nella città. Una superficie vastissima che comprende aree coperte, cortili, piazze, giardini e oltre 500 stanze, alcune abbandonate o ancora in restauro. Molto è stato fatto dall’inizio del ‘900, quando il palazzo era in stato di abbandono.

Nella Piazza delle Erbe ci aspettano altri gioielli:

Mantova Palazzo Ducale
Palazzo Ducale

Rotonda di San Lorenzo

A un metro e mezzo sotto il livello della strada, si trova la chiesa più antica della città, costruita nel 1082 per volere della Contessa Matilde di Canossa in memoria del padre Bonifacio. La sua pianta è circolare e ricorda la Chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme. Romanica, era stata inglobata da edifici e case fino al 1900, quando fu portata alla luce con l’abbattimento delle case che la nascondevano.

Mantova Rotonda di San Lorenzo
Rotonda di San Lorenzo
Mantova interno rotonda di San Lorenzo
Interno della rotonda di San Lorenzo

Torre dell’Orologio

La Torre dell’Orologio è un edificio rinascimentale costruito nel 1472 tra il Palazzo della Ragione e la Rotonda di San Lorenzo. L’orologio astronomico, collocato nel 1473, indicava le ore, il percorso del sole attraverso i segni dello zodiaco e le fasi lunari. L’orologio determinava quando si poteva seminare, quando imbottigliare il vino, quando partire,  dei giorni favorevoli per far salassi, quando ci si poteva maritare e di altre cose “uteli in questo mondo”.

Mantova torre dell'orologio
Torre dell’Orologio

 

Mantova, particolare dell'orologio
Particolare della torre dell’orologio

Piazza Mantegna

Usciti dalla Rotonda di San Lorenzo si arriva in Piazza Mantegna e alla Basilica di S. Andrea, voluta da Ludovico II Gonzaga nel 1472 e ideata da Leon Battista Alberti.  La Basilica, maestosa, rispecchia la città ed è un capolavoro rinascimentale. Nella prima cappella di sinistra è sepolto Andrea Mantegna. L’Alberti ha modificato l’orientamento del preesistente sacrario allineando la nuova chiesa all’asse che la collega alla zona di S. Sebastiano, presso la quale sorgerà anche Palazzo Te. La facciata della chiesa così maestosa sovrasta il ristretto spazio della piccola  piazza, immersa nel cuore medievale della città, accanto al palazzo della Ragione e alla Rotonda di S. Lorenzo. Sotto l’atrio della Basilica c’è un passaggio che collega Piazza Mantegna a Piazza Alberti che offre un’incantevole scorcio architettonico del suo fianco occidentale e dei resti di un lato del chiostro.

Mantova Basilica di Sant'Andrea
Interno della Basilica di Sant’Andrea
Mantova, passaggio da P.za Mantegna a P.za Alberti
Mantova, passaggio da Piazza Mantegna a Piazza Alberti
Mantova resti del chiostro in Piazza Alberti
resti del Chiostro in Piazza Alberti

E’ una piccola parte di Mantova quella che vi abbiamo presentato. Mantova non è poi così piccola come dicono.. I prossimi appuntamenti sono con Palazzo Te, con il Mincio, i fior di loto  e… altre belle curiosità!

Gastronomia

Non si può lasciare Mantova senza aver acquistato la famosa Sbrisolona ed aver assaggiato le specialità gastronomiche come i tortelli di zucca, il risotto alla pilota e il menà, il luccio in salsa.

emilia Guerini

About emilia Guerini

Ciao, benvenuto su eminviaggio. Siamo una coppia sposata da 49 anni, quindi un pò maturi... Abbiamo in comune la passione per i viaggi e la fotografia e per questo nel 2017 abbiamo aperto eminviaggio, un blog che racconta le nostre esperienze e le nostre emozioni. Emozioni forti, che si possono provare anche a pochi passi da casa; vorremmo fare conoscere il territorio e le sue tradizioni. Non è una guida la nostra, non diamo indicazioni: in commercio ormai si trova quello che si vuole. Noi cercheremo di trasmettere le nostre sensazioni, che potrebbero essere d'aiuto a chi ha occhi curiosi come i nostri. Fotografie ce ne sono davvero tante e quasi sempre siamo costretti a metterle in gallery per non annoiare.. ma è la nostra passione.. Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *