Vie cave, che cosa sono, a cosa servivano?

vie cave Sovana

Le vie cave, che cosa sono? a cosa servivano?

Le vie cave: durante una vacanza a Sovana in Maremma, nel Parco Archeologico della Città del tufo, abbiamo fatto un viaggio non solo in località rimaste immutate nel tempo, ma anche nella storia. Qui abbiamo scoperto le strade etrusche o vie cave 

vie cave Sovana
ecco la prima via cava

che cosa sono? a cosa servivano? 

l’argomento ci affascina…
Si tratta di antichissimi percorsi etruschi, scavati nel tufo, con pareti alte anche venti metri, alcuni lunghi un chilometro e larghi due o tre metri. In alcuni tratti sono chiusi in alto dalle fronde degli alberi, che li trasformano in verdi gallerie, ricoperte di muschi, licheni e felci. Sul fondo le tracce degli zoccoli degli animali che per secoli vi hanno transitato, mezzi di trasporto per gli uomini che andavano a lavorare la campagna.

Ma perché gli Etruschi hanno realizzato questi percorsi scavando la roccia?

Erano vie di comunicazione, o percorsi sacri?
Ci sono tre ipotesi:
strade sacre che collegano le necropoli ad altri siti legati alla religione etrusca?
corridoi megalitici impiegati per spostare il bestiame evitando agguati?
scopo difensivo per permettere agli abitanti di spostarsi senza essere visti?

vie cave

vie cave

Non è facile dare una risposta, ma in prossimità di ogni Via Cava sono state rinvenute necropoli, più o meno numerose. L’unica cosa certa, è che dovevano avere una notevole importanza, dal momento che per realizzarle sono state asportate tonnellate di roccia vulcanica, con strumenti che non sono certo come quelli odierni. Nel Parco Archeologico della Città del tufo fra Sovana, Pitiglianoe Sorano ci sono almeno 21 vie cave,  opere di ingegneria e unico esempio al mondo.
Nella notte dell’equinozio (19 marzo) si svolge una fiaccolata che percorre la via cava di S. Giuseppe e termina con un grande falò in Piazza Garibaldi, a Pitigliano.

emilia Guerini

About emilia Guerini

Dopo una vita di lavoro e di volontariato, finalmente posso dedicarmi ad uno dei miei hobby preferiti: macchina fotografica, curiosità per scoprire, riscoprirsi ed allargare la mente: viaggiare! Ragazzini di 68 e 74 anni io e Lindo, mio marito, abbiamo sempre tenuto diari dei nostri viaggi e da ora li vorremmo condividere con chi, come noi, ha curiosità ed è affamato di cose belle, che a volte si nascondono dietro l'angolo di casa. E' splendido assaporare la bellezza e cercare di trasmetterla...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *