Castel del Monte, misteri, in nome della rosa..

Castel del Monte

Finalmente, dopo Trani eccolo:

Castel-del-monte
eccolo…

Castel del Monte, fortezza dei misteri, in nome della rosa:  si annuncia da lontano dal colle che sovrasta, dominando l’intera valle ed è una delle principali mete turistiche della Puglia. Ha una valenza simbolica, grazie alla sua particolarissima forma ottagonale e sono tante le interpretazioni, sia per le suggestioni astronomiche, sia per quelle esoteriche che lo rendono ricco di mistero.

Cortile
Uno dei tanti portali d’ingresso
Uno degli enormi camini
perfezione nei particolari del pilastro in marmo

Qui è stato girato in parte il film In nome della rosa.  Arrivati si rimane senza parole per la maestosità, la bellezza e le linee così pulite e perfette. Castel de Monte ha un colore magico e l’effetto cromatico è dovuto ai tre materiali usati nella sua costruzione: pietra calcarea, marmo bianco e breccia corallina. Fortezza del XIII sec, fatta costruire da Federico II, è a pianta ottagonale e ad ogni spigolo si innesta una torretta, a sua volta  ottagonale. Alcune di queste ospitano cisterne per la raccolta delle acque piovane, in parte convogliate verso la cisterna sotto al cortile centrale. In altre torri, invece, si trovano i bagni, dotati di latrina e lavabo e da un piccolo ambiente, forse utilizzato come spogliatoio o  destinato  ad  accogliere vasche.  La cura del corpo era molto praticata da Federico II e dalla sua corte, secondo l’usanza di quel mondo arabo che lui amava tanto.

Particolare della scala
Frammento di mosaico
Mosaico
Particolare del meraviglioso soffitto
Castel-del-Monte-trifora-in-onore-di-Andria
trifora in onore di Andria

Sul versante settentrionale, in direzione di Andria, si apre l’unica finestra trifora, che sottolinea il ruolo di questa Città cui Federico II  conferì il titolo di fidelis e nella quale, nella cripta del Duomo, erano state sepolte due mogli dell’Imperatore Jolanda di Brienne e Isabella d’Inghilterra.

Castel-del-Monte-particolare-bifore
particolare delle bifore

Le finestre erano divise da eleganti colonnine che l’architetto Luigi Vanvitelli pensò di adoperare per abbellire il giardino della Reggia di Caserta. La particolarità di queste finestre è la presenza di gradini e di sedili che le fiancheggiano. La comunicazione tra il piano inferiore e quello superiore è assicurata, non in tutte le otto torri, da scale a chiocciola. Le scale si sviluppano in senso antiorario (a differenza di qualunque altra costruzione difensiva dell’epoca), per mettere in svantaggio eventuali assalitori, che sarebbero stati costretti ad impugnare l’arma con la sinistra. La bravissima guida che ci ha seguito ci ha fatto vivere la storia, le abitudini, la vita di Federico II. Ancora oggi non si conosce l’esatta funzione di Castel del Monte e tante sono le ipotesi. Si va dalla fortezza, alla residenza di caccia, ad un tempio del sapere per lo studio delle scienze, ad una sorta di centro benessere, visti gli ingegnosi sistemi di canalizzazione e raccolta dell’acqua e la presenza di stanze da bagno.

Castel-del-Monte
arrivederci…

 

Come raggiungerlo                                                                                                                                                

da Trani strada Andria Castel del Monte (circa 25 Km)

L’ingresso alla strada che porta al castello è sbarrato:

  • Il  primo parcheggio libero che si trova è per super allenati, perchè permette la salita solo a piedi lungo un sentiero sotto la pineta, di circa 1,5 Km
  • Il secondo è a pagamento: €. 5,00 per la macchina, €. 1,00 a testa per il bus navetta che porta nel piazzale antistante il castello e passa ogni 10 minuti. Comodissimo.
  • La guida (€. 5,00 a testa) consigliatissimo!

per altre immagini vai a Photo gallery

Ci dirigiamo a Lucera, meno conosciuta, ma ricca di arte..

emilia Guerini

About emilia Guerini

Dopo una vita di lavoro e di volontariato, finalmente posso dedicarmi ad uno dei miei hobby preferiti: macchina fotografica, curiosità per scoprire, riscoprirsi ed allargare la mente: viaggiare! Ragazzini di 68 e 74 anni io e Lindo, mio marito, abbiamo sempre tenuto diari dei nostri viaggi e da ora li vorremmo condividere con chi, come noi, ha curiosità ed è affamato di cose belle, che a volte si nascondono dietro l'angolo di casa. E' splendido assaporare la bellezza e cercare di trasmetterla...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*