Baselga di Piné, non solo laghi…

 

benvenuti!

Baselga di Piné, non solo laghi …

Baselga di Piné non è solo laghi, é situata in una posizione privilegiata in Alta Valsugana, a fianco della Val di Cembra. E’ su un’altopiano a 1000m di altitudine, impreziosita da boschi e da sei laghi.  E’ la meta ideale per una vacanza rilassante, al di fuori del turismo di massa. Facciamo insieme due passi:

Lungolago                                                                                                                                               Due passi sul lungolago: la cura migliore per ogni tipo di stress.. E’ talmente perfetto che sembra finto, rilassante e dolcissimo, frequentato da paperelle e pesci. Inoltre è meravigliosamente curato e non si vede un briciolo di carta in terra..

relax, tranquillità.. che fortuna vivere qui!
spettacolo di colori
Le casette di legno  ospitano mercatini
una passeggiata sul lungolago: niente fuori posto!

 

 

 

 

 

 

 

Baselga non è solo laghi, é piacevole addentrarsi in centro storico e scoprire negozi con le specialità tipiche per stupire gli amici. Uno di questi, dove troviamo professionalità e simpatia è #l’Angolo dei sapori trentini, in Corso Roma, che ha prodotti di eccellenza. Serena ama coccolare i clienti ed è maestra nel preparare inconfondibili pacchetti regalo. 

Monumenti religiosi                                                                                                                          Chiesa di S. Mauro                                                                                                                                    La prima pieve pinetana, citata dal 1232 è situata sulla direttrice della strada romana che risaliva la Valsugana. Il piccolo cimitero fa da corona alla bella pieve, da cui si domina l’intera vallata e dà una sensazione di pace. L’impianto è romanico gotico rinascimentale, in contrasto con la semplice facciata.

Chiesa di S. Mauro

 

Antica Pieve di Santa Maria Assunta                                                                                                I documenti ne parlano già nel XIII° sec, ma si pensa sia molto più antica. E’ stata rimaneggiata più volte e presenta elementi di diversi stili. L’altare è in legno scolpito e dorato, il soffitto a volta con costoni in tufo

Antica Pieve di Santa Maria Assunta
particolare del soffitto a volta con costoni in tufo
Interno

Santuario della Madonna di Piné                                                                                                       Il Santuario, a Montagnaga, è meta di numerosi pellegrini e luogo di preghiera. Poco distante il monumento al Redentore con la Scala Santa. Purtroppo eravamo di passaggio e non abbiamo fotografato..

Archeologia                                                                                          Passo del Redebus – Bedollo                                                                                                                    Fra l’Altopiano di Piné e la Valle dei Mocheni si trova il sito archeologico di Acqua Fredda, una delle più importanti fonderie preistoriche dell’età del bronzo di tutto l’arco alpino. L’attività di estrazione e lavorazione del rame è stata molto intensa fin dai tempi più remoti. Il sito è visitabile liberamente tutto l’anno, corredato da pannelli informativi che illustrano il funzionamento dei forni e la vita delle popolazioni dell’epoca.

sono tanti i cartelli esplicativi
L’esterno del sito
forni fusori
disegno esplicativo

Non abbiamo parlato molto di Baselga e del suo centro, ci sarebbero tante altre cose da dire, ma  siamo stati costretti a fare una scelta e raccontare le bellezze che la circondano.

Il prossimo racconto sarà dedicato al Roccolo del Sauch.. Se vuoi saperne di più seguici..

Come sempre, se vuoi vedere altre immagini, vai su photogallery

 

 

emilia Guerini

About emilia Guerini

Dopo una vita di lavoro e di volontariato, finalmente posso dedicarmi ad uno dei miei hobby preferiti: macchina fotografica, curiosità per scoprire, riscoprirsi ed allargare la mente: viaggiare! Ragazzini di 68 e 74 anni io e Lindo, mio marito, abbiamo sempre tenuto diari dei nostri viaggi e da ora li vorremmo condividere con chi, come noi, ha curiosità ed è affamato di cose belle, che a volte si nascondono dietro l'angolo di casa. E' splendido assaporare la bellezza e cercare di trasmetterla...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *