Home Italia isola d’Elba un incanto anche d’ inverno

isola d’Elba un incanto anche d’ inverno

by Emilia e Lindo

isola d’Elba: un incanto anche d’inverno

isola d'Elba, il gabbiamo

un gabbiano ci accompagna all’imbarco 

isola d’Elba: un incanto anche d’inverno, è la prima volta per noi qui, per giunta d’inverno … Prima di partire ci chiediamo come sarà…  un incanto?  Stiamo per scoprirlo..
Traghetto Piombino-Cavo.
isola d’Elba: a nord ecco Cavo ed il Residence La Pergola in Via della Parata, dove soggiorneremo. La strada s’ inerpica sulla collina e, per un attimo, ci chiediamo se è quella giusta … poi, sulla sinistra, appare il residence: bello, accogliente..
L’isola d’Elba è poco frequentata, vista la stagione e la tranquillità è assoluta: siamo gli unici ospiti del residence, proprio quello che cercavamo. Prepariamo il programma per domani…. alla scoperta dell’isola d’Elba d’inverno
isola d'Elba, residence la pergola

Residence La Pergola

isola d’Elba: che cosa vedere

Rio Marina

Passeggiata al vecchio pontile di carico del Parco minerario, che è il simbolo di Rio Marina.  Appartiene ad un’epoca e racconta la storia dell’isola d’Elba.  E’ un peccato vederlo cadere a pezzi e sarebbe necessario un restauro.
Purtroppo Il 28 Ottobre 2018, con una mareggiata, il simbolo di Rio Marina è stato spazzato dalle onde.
isola d'Elba un incanto anche d'inverno

Il pontile, simbolo di Rio Marina

Continuiamo il percorso e ci inoltriamo nel parco minerario di Rio Marina, che di solito è visitabile con il trenino, ma in questa stagione il servizio è sospeso. Dovrebbe essere molto interessante percorrere l’itinerario dei minatori ed addentrarsi nelle gallerie; Ci informeremo se può essere possibile effettuare una visita.

Dove mangiare (secondo noi) a Rio Marina

Ritorniamo in centro attraverso vicoletti e centinaia di gradini, mangiamo in un ottimo ristorante: “La strega”, che mi sento di consigliare. La proposta dei piatti è ottima: ravioli ricotta e ricciola e gnocchi rucola e gorgonzola preceduti da una stupenda “schiaccina” ( focaccia salata).

isola d'Elba un incanto anche d'inverno, Rio Marina

i gradini di Rio Marina

 Da Rio Marina  proseguiamo fino a Porto Azzurro, ma lasciamo la visita ad un giorno più bello, visto che piove forte. Il paesaggio è comunque splendido, con la strada a picco sul mare, colline verdissime e piante di mimosa già fiorite. In una giornata di sole deve essere splendido.

Portoferraio

Il percorso è nel verde delle colline,  interrotto dalle splendide fioriture delle mimose. Prima sosta a Punta delle grotte, per visitare i resti della Villa Romana. Fotografiamo i cartelli, perché i cancelli sono chiusi..
isola d'Elba, Villa Romana

Villa Romana 

Siamo a Portoferraio per visitare le Fortezze Medicee e cerchiamo l’ufficio informazioni, che doveva essere al porto.. Ci dicono che d’inverno viene spostato negli uffici della Comunità Montana dell’Elba. Fatichiamo parecchio a trovarlo e, appena riusciti, riceviamo, oltre al materiale turistico che ci serviva, i complimenti per essere riusciti a raggiungerli… Andiamo verso le fortezze Medicee: anche qui tutto chiuso. Cerchiamo, attraverso i consigli dei residenti (gentilissimi), di raggiungere i punti più alti e da lì fotografare Portoferraio.
isola d'Elba dall'alto di Portoazzurro

dall’alto di Portoazzurro

isola d'Elba Torre Martello

Torre del Martello o della Linguella 

Riusciamo in parte e torniamo con il rammarico di non aver potuto passeggiare sulle mura di questo complesso splendido e ricco di storia. Peccato! Gennaio non è certo il mese adatto .. ma ritorneremo!

Un panino e ripartiamo verso Procchio dove fotografiamo stupendi scorci del golfo. Ci fermiamo nei punti panoramici e gustiamo viste mozzafiato; le strade sono deserte e possiamo permetterci tutte le soste che vogliamo. l’isola d’Elba è un incanto anche d’inverno!

isola d'Elba, golfo di Procchio

golfo di Procchio

Giornata nuvolosa, fredda. Decidiamo di fare una passeggiata nei dintorni. Arrivati a Cavo, sul lungomare ci dirigiamo verso la fine del paese, dove dovrebbero trovarsi i resti di una villa romana. E’ segnalato su una cartina, ma giriamo inutilmente. Arrivati a Capo Castello gustiamo la vista sul promontorio: meravigliosa. E’ la sede privilegiata di un residence abbastanza esclusivo, ed è tutto recintato. Seguiamo un piccolo viottolo immerso nella pineta, dove si affacciano ville importanti. Una residente ci spiega che i resti della villa che cerchiamo non sono visitabili, perché inglobati in una residenza privata…

Ci attira un sentiero strettissimo fra due giardini: cala delle Alghe: porta al mare ed è splendido.L’acqua è pulitissima, trasparente e si vedono gli sbocchi sulle spiaggette delle due ville. Un po’ d’invidia…
isola d'Elba, cala delle alghe

Cala delle alghe

Compleanno in miniera all’Isola d’Elba

Visiteremo la Miniera Calamita a Capoliveri, aggregati ad una scolaresca che festeggia un compleanno ..in miniera.. Arriviamo in paese nella mattinata e gironzoliamo fra vie strettissime e case molto piccole, costruite l’una accanto all’altra. Negozi pittoreschi e strani si affacciano su paesaggi mozzafiato.

isola d'Elba, bici pubblicitaria

bici pubblicitaria

Troviamo un bar (Il Cavatore): una terrazza sull’infinito ed un servizio pieno di cortesia. Rimaniamo parecchio tempo al sole, in attesa dell’orario dell’appuntamento.
isola d'Elba un incanto anche d'inverno

dal bar Il Cavatore 

E’ arrivata l’ora: Il pullman è un vecchio Mercedes e ben presto si riempie di bambini urlanti..
Noi lo seguiamo con la macchina e dopo curve su curve su di una strada sterrata, arriviamo all’interno della tenuta delle Ripalte.
isola d'Elba verso la miniera

verso la miniera

Il percorso inizia con una discesa dalla quale si intravedono i resti arrugginiti di quello che è stato fino al 1980 un importante centro minerario. Ci sono le baracche, tutte in fila: dall’infermeria, all’officina, agli spogliatoi.
 miniere Calamita

Miniere Calamita 

Ci soffermiamo a guardare l’insieme: un nastro trasportatore testimonia il percorso che faceva il materiale scavato in miniera, verso la frantumazione ed il successivo carico sulle navi.
isola d'Elba un incanto anche d'inverno Miniere Calamita

miniere Calamita

l'isola d'Elba nastri trasportatori alle miniere calamita

Nastri trasportatori 

Miniera del Ginepro

andremo in un livello sotto terra. All’esterno osserviamo una sfondata (un enorme foro creato dal crollo della volta di una galleria). Entriamo ed il pensiero va alle persone che qui sotto, al buio, hanno passato maggior parte della loro vita. Esploriamo, con l’aiuto di Oriana, guida autorizzata, questo mondo così particolare e poco conosciuto..
la sfondata

la sfondata  

isola d'Elba, miniera del Ginepro

Ingresso alla Miniera del Ginepro

All’ingresso ci accoglie uno spazio angusto, scavato nella roccia, adibito a mensa, con un curioso fornello scaldavivande a sabbia. Lì è stato preparato il buffet per festeggiare il compleanno: un’idea meravigliosa per fare conoscere a tutti questa realtà di grandi sacrifici che non dobbiamo dimenticare. Complimenti ai genitori della bambina che hanno fatto questa scelta intelligente.

un incanto anche d'inverno

Fornello a sabbia

isola d'Elba, gallerie

Gallerie che scendono in profondità

L’esperienza continua con esplorazioni interessanti e, dopo circa un chilometro di gallerie e la visione dantesca dei vari livelli di profondità, usciamo alla luce e all’aria, accompagnati da un gentilissimo collaboratore che ci scorta fino all’uscita del campo minerario. 
isola d'Elba finalmente fuori dalla miniera

Finalmente all’aria aperta..  

Grazie a tutti per la bellissima esperienza. Usciamo dalla Tenuta delle Ripalte, che merita una vacanza, e rientriamo a Cavo.

Usciti dal paese ci fermiamo a

Rio nell’elba

Fotografiamo il vecchio lavatoio comunale collocato all’interno di un edificio con soffitto a capriate e finestroni. Nel tempo ha subito varie trasformazioni e merita una visita.

isola d'Elba lavatoio a Rio nell'Elba

Lavatoio a Rio nell’Elba

 lavatoio a Rio nell'Elba

Interno del lavatoio ai Rio nell’Elba

Portoazzurro

ci dirigiamo verso la fortezza spagnola, sede del carcere. La strada è in salita e, una volta arrivati riusciamo a parcheggiare nei pochissimi posti disponibili. Si apre un sentiero attrezzato che seguiamo incuriositi. 
isola d'Elba, Porto Azzurro Fortezza Spagnola

Portoazzurro Fortezza Spagnola 

isola d'Elba, Portoazzurro

Portoazzurro, sentiero naturalistico

La vista è mozzafiato sul mare turchese e sulla macchia mediterranea. Costeggiamo la vecchia fortezza e gustiamo questa meravigliosa passeggiata. Un sentiero scende in centro a Portoazzurro, ma noi proseguiamo: il sole è caldo e non ci stanchiamo di gustare questi momenti magici. Fiori in ogni angolo ed agavi enormi fanno da sfondo alle fotografie splendide che rubiamo. 
isola d'Elba Portoazzurro

Rosa dei venti 

Sostiamo in un angolo con panchine in granito ed una splendida rosa dei venti, incisa nella pietra, che segnala le isole ed i punti di maggior interesse. A fatica lasciamo questo splendido angolo. Ritorniamo alla macchina e cerchiamo di vedere la fortezza dall’interno. Arrivati fuori dalla volta maestosa che porta all’interno delle mura, le guardie carcerarie ci ricordano con fermezza che siamo in zona militare ed è vietato fotografare.  Usciamo a malincuore e torniamo a casa.

Periplo dell’isola d’Elba:

Rio Marina, Porto Azzurro, Capoliveri, Lacona, Campo nell’Elba, Fetovaia, Marciana, Marciana Marina, Marina di Campo, Portoazzurro, Cavo. La costa è splendida, specialmente la Cala dell’Innamorata. Ci colpiscono alcune ville splendide, immerse nella macchia mediterranea.

 

isola d'Elba, Cala Innamorata

Cala dell’Innamorata

isola d'Elba, Lacona

Lacona con i due tratti di mare

isola d'Elba Fetovaia

Fetovaia

isola d'Elba pic nic nell'infinito

pic nic nell’infinito

i canali a Rio nell'Elba

alla ricerca dei 22 mulini

Cerchiamo invano i vecchi mulini di cui si parla in una guida di Rio Marina.Dopo aver girato inutilmente ci informiamo: i resti sono probabilmente nascosti da rovi e vegetazione. Con dispiacere e dopo aver percorso sentieri da capre rinunciamo. Ideona! Andiamo a cercare un punto panoramico consigliato che si trova sopra al porticciolo di Rio Marina: arriviamo e pregustiamo la vista, ma la strada è chiusa per una frana….Oggi non è giornata!  Facciamo una piacevolissima passeggiata in un percorso attrezzato che va dal vecchio pontile di carico della miniera a Rio Marina fino alla località Malpasso.
isola d'Elba, sentiero attrezzato

Sentiero attrezzato da Rio Marina a Malpasso

Chiediamo ad Alberto ed Isabella, gestori del  Residence, dove trovare sassi interessanti per la nostra collezione: iniziamo con Cala Seregola: la spiaggia è di sabbia nera e brilla per i frammenti di pirite ed i sassi sono interessanti.
i sassi di Cala Seregola

I sassi “glitter” di Cala Seregola  

Cala Topinetti invece ha la particolarità di avere sassi coloratissimi. Anche le rocce sono splendide ed i colori variano dal nero al viola, al giallo. Meraviglioso.
 sassi di Cala Topinetti

I sassi di Cala Topinetti

isola d'Elba le rocce di Cala Topinetti

le meravigliose rocce di Cala Topinetti

Sempre attratti dall’idea di trovare minerali interessanti andiamo alle spiagge di Cala Reale, dove troviamo, nella zona demaniale, un piccolo laghetto chiamato di terra nera, diviso dal mare da un istmo di terra, che si riempie con le mareggiate.

isola d'Elba laghetto di terra nera

Laghetto di terra nera

Di minerali niente. Andiamo a Punta delle Cannelle su di una strada sterrata, tortuosa e panoramica, che ci porta alla vista di una bella spiaggetta che guardiamo dall’alto. Fotografiamo alcune sughere maestose e splendide.

Santuario della Madonna di Monserrato

E’ arroccata su uno sperone di roccia.
Il sentiero è da penitenti .. e, nel punto più critico, c’è una panchina, che noi chiamiamo dell’infarto..
isola d'Elba salita al Santuario di Monserrato

la salita al Santuario di Monserrato

isola d'Elba dal Santuario di Monserrato

dal Santuario di Monserrato  

La vista da lassù è splendida e si vede in lontananza il mare. E’ aperto da metà  Giugno a fine Settembre e ci accontentiamo di vederlo da fuori.
 santuario di Monserrato

Il santuario di Monserrato

Disgustano le solite scritte sulle sedute di cotto, sui muri e perfino sulle foglie di agave.. E’ incredibile l’ inciviltà e l’assenza di rispetto che vediamo.

Un giretto a Portoazzurro, una visita al suo bel centro  e la nostra vacanza .. è finita. L’isola d’Elba è bella anche d’inverno, non tutti i luoghi d’interesse sono accessibili, ma ne vale davvero la pena! Ritorneremo presto, in estate
Grazie Elba, grazie Alberto.. Consiglieremo sia la struttura, sia le escursioni.

se vuoi vedere altre immagini visita la gallery

Ti potrebbe interessare anche

Leave a Comment

* Utilizzando questo modulo, accetti l'archiviazione e la gestione dei dati da parte di questo sito Web.

Don`t copy text!

Stiamo utilizzando Google Analytics

Per favore conferma, se accetti il ​​nostro monitoraggio di Google Analytics. Puoi anche rifiutare il monitoraggio, in modo che tu possa continuare a visitare il nostro sito Web senza alcun dato inviato a Google Analytics.